Il nostro Blog

Che cos’è l’argon?

Nel 1785 l’argon fu sospettato di essere presente nell’aria da Henry Cavendish ma non fu scoperto fino al 1894 da Lord Rayleigh e da William Ramsay. Questo elemento chimicamente inerte è incolore ed inodore e compone poco meno dell’1% dell’atmosfera terrestre.

Per saperne di più: https://www.chimica-online.it/elementi/argon.htm

Lo stesso pigro, ozioso elemento chimico lo ritroviamo anche nella descrizione delle vetrocamere dei serramenti, ad esempio 33.1/16/33.1BE1.0+AR Canalina bordo caldo – ma qual è il suo ruolo?

Che funzione assolve il gas argon?

Quando parliamo di isolamento termico degli infissi, abbiamo imparato che il vetrocamera gioca un ruolo fondamentale; proprio grazie al gas argon che si trova tra le lastre questo indice si abbassa notevolmente. Vediamo in che modo.

L’argon usato come riempimento tra lastre di vetro assicura un migliore isolamento termico in quanto è un peggior conduttore di calore rispetto all’aria.

Inserito nell’intercapedine tra i due vetri, questo gas riduce la trasmittanza termica e di conseguenza la dispersione di calore. La sua riduzione a parità di intercapedine è stimata attorno al 25%, questo poiché un mezzo gassoso denso non contribuisce in alcun modo alla conducibilità termica, ma al contrario rallenta notevolmente questo processo.

C’è da precisare, tuttavia, che il gas argon è solo una parte di un sistema efficiente ed è di per sé da solo inefficace.

Quali vantaggi apporta l’inserimento dell’argon nella vetrocamera?

Scegliendo l’argon come intercapedine si ottengono numerosi vantaggi:

  • aumento nel risparmio termico, che si traduce in risparmio sul riscaldamento;   
  • mantenimento di un microclima confortevole;
  • aumento del livello d’insonorizzazione acustica;
  • schermatura dai raggi solari, grazie alla parziale riflessione generata in abbinamento a lastre basso emissive
  • miglioramento delle proprietà ottiche, che risultano in un’immagine più nitida fuori dalla finestra;

Viene lecito però chiedersi: quanto durerà il gas argon?

I vetri realizzati nel rispetto delle normative europee devono essere sigillati alla perfezione, in modo da rilasciare massimo l’1% di gas all’anno. Ciò significa che un vetro certificato e a norma, DEVE arrivare a 20 anni con l’80% del gas. La risposta alla domanda è di fatto “per sempre” o quasi!

Oltre al nostro gas argon, del quale abbiamo appena discusso, esiste un’altra componente da non sottovalutare se si sta valutando di sostituire i serramenti, la canalina o distanziatore.

Che cos’è la canalina o distanziatore?

In gergo tecnico, la canalina si definisce un ponte termico, ossia un punto di discontinuità attraverso il quale si ha una dispersione di calore tra interno ed esterno.

Tipi di finestre meno recenti o più economici montano una canalina in alluminio, materiale, che come è facile intuire, ha un alto valore di trasmittanza termica per cui si riscalda e raffredda rapidamente. Inoltre, le canaline in alluminio presentano al di sotto sali igroscopici, che bilanciano l’umidità, assorbendola, ma nel corso degli anni i sali tendono a saturarsi e perdere d’efficacia.

La canalina Warm Edge nei serramenti Fossati è realizzata in polipropilene, materiale che la rende molto più isolante rispetto alle canaline tradizionali in alluminio e migliora le prestazioni dell’intero vetro: adagiata lungo il perimetro del vetro, infatti, elimina i ponti termici e riduce la dispersione termica lungo i margini della finestra.

La combinazione perfetta di argon e canalina a bordo caldo si traduce in performance ottimali per i tuoi nuovi serramenti. Ora che sai come canalina e gas Argon intervengono in simbiosi per ottimizzare il sistema finestra, ti invitiamo a visitare il nostro showroom Fossati per visionare questi dettagli.

Nel mentre dai un’occhiata ad alcune delle nostre realizzazioni: https://www.bergerettimobilievolution.it/le-nostre-realizzazioni/

Oppure sbircia la nostra pagina Facebook o Instagram!

Richiedi un appuntamento